Cerca

"La notizia che poco fa mi hanno fornito è che lo stadio di Carrara potrà ospitare la partita, quasi mi ha fatto piangere di gioia. Sono felice anche per i tifosi".
A dirlo e' Francesco Ghirelli, Presidente Lega Pro, che aggiunge:" Ringrazio la Carrarese nella persona di Manrico Gemignani ,  accollatasi oneri e rischi, così è la Lega Pro, non si arrende mai e vince. Grazie al Prefetto D’Attilio, che è stato eccezionale: e' così che lo Stato diventa baluardo della città  e dei cittadini. Grazie al Procuratore Generale della Repubblica Italiana, Giubilaro, che ha mostrato uno stile da invidiare e un senso del dovere che è lezione per tutti. Grazie a coloro che lavorano nella Carrarese, agli operai e ai tecnici che hanno lavorato. Oggi, siamo più ricchi perché il pallone può tornare al centro del campo e il mito del gioco del pallone diventa di nuovo fiaba".
 
  " Il calcio in Lega Pro e' passione e abnegazione- continua Ghirelli- e quella appena descritta e' un'esperienza tangibile. La nostra Lega, oltre che di tanta passione, vive anche di credibilità e di sostenibilità. Sono fondamentali le regole. Prima di tutto quelle che impediscano la finanza creativa e chi non paga gli emolumenti dei tesserati per due volte va messo fuori dal campionato. Dal 18 di dicembre prossimo, se il consiglio federale approverà le norme per la iscrizione ai campionati proposte dal presidente Gravina: è la rivoluzione".
 
Infine, una curiosità. Un grande cartello sarà appeso in sede in Lega Pro. Bianco con parole scritte a caratteri cubitali, che sono la base dell'attività di ogni giorno. L'idea e' del Presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli. 
Le parole sono riforme, identita', innovazione, regole, tifosi, formazione di giovani dirigenti sportivi e valorizzazione dei giovani.
" Appenderemo il cartello con queste parole che si stanno traducendo in fatti e che sono la base dell'attivita' in Lega Pro: dai vertici, ai club fino ai dipendenti della stessa Lega. Chiunque entrerà in sede conoscera' la strada che stiamo percorrendo".
Firenze, 15 dicembre 2018