Cerca

Intervista al duttile centrocampista e terzino destro della Carrarese, Tommaso Tentoni #7 ('97) ai microfoni di www.carraresecalcio.it:

Ciao Tommaso, siamo reduci da una settimana molto dura in cui abbiamo affrontato diverse partite ravvicinate, e contro avversari di alto livello, riuscendo ad arricchire la classifica di 4 punti. Soddisfatti?

"Le nostre prestazioni in questa dura serie di partite sono state sicuramente positive, nonostante la fatica degli impegni ravvicinati e la forza degli avversari affrontati si è vista una Carrarese tosta e compatta capace di tenere testa a tre signore squadre. Per quanto riguarda i risultati siamo soddisfatti ma solo a metà, c'è infatti grande rammarico per la sconfitta contro il Pisa dettata da alcuni episodi sfortunati, però il calcio è fatto anche di questo e noi dobbiamo lavorare per limare quei dettagli che consentono di evitare questo tipo di situazioni e l'unico modo per farlo è allenarsi duramente durante la settimana e seguire le indicazioni dell'allenatore cercando di migliorarci sia come squadra che come singoli."

In questa Carrarese al momento ricopri con una certa continuità il ruolo di terzino destro, a dimostrazione di una tua grande dote, la duttilità tattica. Come ti trovi in questo ruolo più difensivo rispetto alle tue caratteristiche naturali?

"Devo dire ti trovarmi abbastanza bene in questa posizione. All'inizio, complice anche l'emozione e l'adrenalina di giocare in un ruolo per me nuovo, non ho avuto grandi problemi, c'è stata poi però una fase intermedia in cui ho accusato qualche difficoltà, in quel momento è stato fondamentale il supporto del mister e dei compagni che mi permette di migliorare e imparare i cosidetti "trucchi del mestiere", adesso mi sento sempre più a mio agio. Detto questo so di dover migliorare ancora tanto la fase difensiva e l'uno contro uno e per questo lavoro sodo, mentre la fase offensiva mi viene più naturale in quanto più adatta alle mie caratteristiche."

Prossimo avversario degli azzurri sarà il Gavorrano, squadra in grande crescita ultimamente, quali sono a tuo avviso le insidie principali che ci aspettano allo Stadio Zecchini di Grosseto?

"I nostri prossimi avversari sono una squadra in costante crescita, non facciamoci ingannare dal loro inizio, hanno probabilmente sofferto la categoria nuova ma poi col cambio di allenatore e un progressivo adattamento dei giocatori hanno ritrovato gli equilibri e sarà dunque una trasferta insidiosa. Dal canto nostro sappiamo che non dobbiamo guardare in faccia nessun avversario ma siamo chiamati a dare il massimo e ripetere le prestazioni delle ultime uscite, in questo modo sono sicuro che riusciremo a metterli in difficoltà. Noi giochiamo per vincere ogni partita e ci alleniamo per migliorare sempre di più le nostre prestazioni, il nostro cammino è questo e vogliamo onorarlo al meglio."